Nonostante le previsioni più funeste che avevano accompagnato gli ultimi rumors in merito, il Canone Rai 2014 non subirà nessun aumento rispetto al passato e la cifra da pagare entro il 31 gennaio 2014 sarà sempre di 113,50 euro, tramite bollettino postale (C/C 3103) o le altre modalità di pagamento consultabili sul sito 'abbonamenti.rai.it'.

Sul medesimo portale, vengono spiegate anche le varie possibilità di pagamento a rate della tassa. Se si vuole optare per due pagamenti semestrali, bisogna versare 57,92 euro entro il 31 gennaio e 57,92 euro entro il 31 luglio, per una spesa totale di complessivi 115,84 euro. La maggiorazione è ancora più cospicua se si opta per una soluzione trimestrale, con quattro rate da 30,16 euro (120,64 euro complessivi), da pagare entro il 31 gennaio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre.

Il mancato pagamento del Canone Rai, che è un'imposta sul possesso dell'apparecchio televisivo, equivale ad evasione fiscale e si può incorrere in sanzioni pecuniarie pari anche a sei volte l'importo iniziale dovuto. Per non pagare il canone, in maniera assolutamente legale, si possono tuttavia percorrere tre vie: buttare via il televisore con regolare e documentata procedura di rottamazione dello stesso; cedere o regalare il televisore a terzi con apposita documentazione che attesti le generalità e i dati della persona che entra in possesso dello stesso; presentare la disdetta del canone entro il 31 dicembre e chiedere il 'suggellamento' degli apparecchi televisivi presenti nella propria abitazione.