Nuovi sondaggi politici elettorali condotti dall'istituto Euromedia Research: oggetto dei quesiti le intenzioni di voto alla Camera per le prossime eventuali nuove elezioni politiche. Si tratta di dati in linea con la situazione di grande confusione politica emersa anche nell'ultima uscita alle urne: i due maggiori partiti rimangono molto vicini.

Il Pdl di Berlusconi avrebbe il 28,7% delle preferenze, mentre il PD si accaparrerebbe il 26% dei voti. Guardando alle intenzioni di voto nell'ottica delle coalizioni, la situazione vedrebbe un vantaggio più netto da parte del centrodestra, in grado di raccogliere il 36,2% dei votanti, con un gap di 3,6% nei confronti del centrosinistra, fermo a 32,6%.

Stabile anche il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo che, secondo i dati raccolti da Euromedia, raggiungerebbe quota 19,5% degli aventi diritto al voto alla Camera. In calo la coalizione di centro, con UDC e Scelta Civica di Monti fermo al 6%. 

Altri dati interessanti emergono dai sondaggi politici elettorali effettuati dall'istituto Piepoli che ha affrontato l'argomento leadership da un singolo versante. E' stata posta la questione relativa ad un'eventuale vittoria da parte del centrosinistra alle prossime elezioni: sulla possibilità di vedere come nuovo Presidente del Consiglio Enrico Letta o Matteo Renzi, gli intervistati hanno espresso il 48% delle preferenze per l'attuale capo del Governo, mentre il 44% ha preferito il sindaco di Firenze. L'8% ha deciso di non esprimersi. La base di questo sondaggio è stata effettuata sugli elettori di centrosinistra.