Cory Monteith, l'interprete di Finn Husdon in Glee, è morto. A renderlo noto è la polizia di Vancouver, città in cui l'attore è morto. Cory Monteith, infatti, si trovava presso il Pacific Rim Hotel dal 6 luglio e ieri avrebbe dovuto essere il suo ultimo giorno di permanenza nell'albergo. Cory Monteith aveva 31 anni.

Stando alla polizia il corpo non presenta traccia di violenze, mentre alcuni siti americani affermano che l'attore sarebbe stato ucciso da un'overdose.

Ricordiamo che Cory Monteith nel 2011 ha ammesso di aver iniziato a fare uso di droghe dall'età di tredici anni e di essere stato in riabilitazione quando aveva diciannove anni, a seguito dell'intervento di sua madre e di alcuni suoi amici. Anche recentemente, ad aprile per la precisione, Cory Monteith era stato in riabilitazione per via della sua dipendenza da sostanze stupefacenti.

Cory Monteith recitava in Glee dal 2009 ha vinto un Teen Choice Award come miglior attore per la commedia nel 2011. In Glee, come detto, interpretava Finn Husdon, quarterback della squadra di football con spiccate doti per il canto. Nella vita reale questa passione per il canto si traduce nel suonare la batteria nella band rock californiana Bonnie Dune.

In precedenza aveva avuto ruoli minori in film come Final Destination 3, White Noise: The Light, Invisible e Il respiro del diavolo e in qualche altra serie televisiva, come, per esempio, Kyle XY.

Nel mese di gennaio 2012 aveva ufficializzato la sua relazione con Lea Michele, co-star di Glee.