Monetine da 1 e 2 euro: controllando nelle vostre tasche, al fondo delle borsette, nei portafogli troverete sicuramente molte monete di rame tra cui le monete da 1 e da 2 centesimi di euro. Queste monetine stanno creando un gran vociferare sulla loro utilità, la cosa incredibile è che costano più di quel che valgono e tendono ad essere accantonate ovunque perché considerate senza valore.

La Commissione Europea sta valutando, per rispondere ad una richiesta effettuata dall'Europarlamento e del Consiglio dei ministri, se continuare ad emettere le monetine o se ritirale dalla "scena". È stato infatti chiesto alla Commissione di indagare sui costi e sull'accettabilità o meno da parte dell'opinione pubblica delle piccole monete, considerate effettivamente dai più inutili.

La Commissione Europea la scorsa settimana ha proposto l'eliminazione delle monetine da 1 e 2 centesimi, ma la Germania si è fermamente opposta al cambiamento. Bruxelles, comunque ritiene che eliminare le monete da 1 e 2 centesimi di rame sia solo una delle possibili alternative, le altre sono:

  1. Mantenimento dello status quo, per continuare a coniare le monetine come fatto fino ad oggi
  2. Emissione dei pezzi da 1 e 2 centesimi utilizzando materiali differenti, che permettano un'emissione a costi ridotti

La curiosità, permane, diremo davvero addio alle monetine o rimarrà una proposta?

Prima di liberarvene, comunque, controllate attentamente in ogni angolo, anche nel più remoto, perché alcune monetine da 1 centesimo sarebbero in realtà preziosissime. Si tratta di un errore di conio, la zecca già nel 2002 avrebbe disposto il ritiro immediato delle monetine sbagliate, ma in giro ve ne sarebbero almeno ancora un centinaio.

La moneta che ha un valore di ben 2500 euro ha queste caratteristiche: sul fronte il valore di 1 centesimo ma sul retro, anziché Castel del Monte, ha coniata l'immagine della Mole Antonelliana, che è abitualmente presente sul retro delle monetine da 2 centesimi.

Preziosissima per il mercato del collezionismo: al di là quindi della scelta della Commissione Europea sul futuro delle monete di rame, vi consigliamo di controllare che un inutile centesimo non vi cambi la giornata rendendovi particolarmente fortunati.

Non sarebbe male scoprire di aver da qualche parte un centesimo "antonelliano" che vale 2500 euro, anzi ultimamente è stato aggiudicato a 6.600 euro (diritti inclusi) a un collezionista italiano l'errore di conio della moneta da 1 centesimo, battuta all'asta  'Bolaffi' da un prezzo di partenza di 2.500 euro.