Il PDL esce vincitore dal Consiglio dei Ministri e Alfano esulta dicendo che il governo ha fatto goal. Anche il PD può ritenersi soddisfatto sul finanziamento della cassa integrazione in deroga, gestita dalle regioni.

Il Presidente del Consiglio, Letta, ha fornito prova di equilibrio e può affrontare con un certo ottimismo gli incontri a livello europeo e la calda estate italiana.

I destinatari dell'ultimo Consiglio dei Ministri sono stati:

  • Antipolitica
  • Famiglie
  • Imprese
  • Lavoratori disagiati

Sforbiciata sugli stipendi dei membri del governo

Il decreto prevede l'eliminazione del doppio stipendio del Presidente del consiglio, dei Ministri, dei Viceministri e dei Sottosegretari che già percepiscono emolumenti in qualità di membri del Parlamento. Una misura attesa, giusta, con grande valenza simbolica in questo periodo di crisi e di critica ai privilegi della politica.

Imu

Il decreto attua quanto annunciato dal Presidente del Consiglio nelle dichiarazioni programmatiche rese alle Camere e sulle quali l'esecutivo ha ottenuto il voto di fiducia, muovendosi su due direttrici:

  • si sospende, secondo il comunicato emesso dal governo, il pagamento della prima rata dell'Imu "sulla prima casa, sulle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (Iacp) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli Iacp, i terreni e i fabbricati rurali."
  • Sono esclusi dalla sospensione del versamento le abitazioni di tipo signorile, le ville, i castelli o i palazzi di pregio storico o artistico. Per la sospensione non si prevedono nuove tasse ma si ricorre ad anticipazioni di cassa.
  • Si decide di procedere, durante l'estate, a una riforma complessiva della disciplina dell'imposizione fiscale sul patrimonio immobiliare, prevedendo delle deduzioni fiscali dell'IMU pagato dalle imprese sui capannoni e fabbricati industriali. Sarà riconsiderata, in un contesto unitario, anche la famigerata IRES.

Ammortizzatori sociali in deroga

Il Consiglio dei Ministri ha stanziato una cifra di 1 miliardo di euro per l'ulteriore finanziamento dello strumento della Cassa integrazione in deroga, gestita dalle regioni, al fine di far fronte all'emergenza occupazionale denunciata dalle forze sociali. Si stima che la somma potrà garantire la copertura del trattamento per tutto il 2013.
Il governo, inoltre, ha sbloccano anche le risorse per i contratti di solidarietà.

Il decreto prevede un monitoraggio volto ad assicurare l'ottimizzazione dell'uso delle risorse e la revisione strumentale del sistema degli ammortizzatori, da realizzare attraverso il dialogo con le parti sociali e le regioni.

Precari della Pubblica amministrazione

Sono prorogati al 31 dicembre 2013 gli strumenti giuridici per consentire alle Pubbliche amministrazioni, nell'ambito della legislazione vigente, di avvalersi di lavoratori a tempo determinato per garantire servizi essenziali.

Intervento a favore delle imprese

I partiti che sostengono il governo hanno velocizzato l'iter per lo sblocco dei pagamenti da parte delle Pubbliche amministrazioni nei confronti delle imprese, deciso dal precedente governo e appena approvato dal Parlamento.

Si spera che l'insieme di queste misure metta in circolo un poco di denaro per alimentare i consumi interni e di conseguenza la ripresa economica.