Falegnami, panettieri e sarti: sono soltanto tre delle professioni che nessuno oramai vuole più fare, i cosiddetti lavori "dimenticati". In Italia molti posti sono vacanti e soprattutto i giovani cercano sempre le stesse strade, spesso contorte a causa ovviamente della crisi, senza però dimenticare anche le amicizie lavorative e un titolo di laurea che può avere un risvolto negativo della medaglia, due fattori da prendere in considerazione quando si cerca un lavoro.

La crisi è evidente ma, il lavoro, in alcune sue accezioni non sembra mancare. Tutti i posti per cui non c'è domanda ma sussiste un altissimo livello dell'offerta sono i cosiddetti "posti in piedi", quei lavori da svolgere manualmente. Ecco alcuni esempi.

Stando a studi effettuati da Confartigianato in Italia mancano, ad esempio, i panettieri. E' un lavoro duro e i turni lavorativi sono principalmente due: il primo nella tarda nottata, il secondo la mattina molto presto. I posti disponibili in questo campo sono 1040e non si riesce a coprire il 39% di queste posizioni vacanti. Un altro lavoro particolarmente snobbato è appunto quello del falegname.

In questo campo, soprattutto in questo periodo di crisi economica e lavorativa, i ricavi potrebbero essere molto elevati: basta "fare il giovane" presso un falegname esperto e, se si possiede una discreta somma di denaro, si può lavorare autonomamente. I guadagni sono assicurati, ma la strada è lunga e impervia. Anche nel mercato degli infissi il posto sarebbe disponibile: esistono 1500 posti da installatori e l'83% di questi non è ancora stato occupato. Un dato che può far riflettere.

Altri due mestieri "rifiutati" sono, nonostante si possa pensare il contrario, quello dei baristi e dei camerieri. Le principali motivazioni possono essere principalmente legate agli orari notturni. Spesso queste posizioni sono occupate dai giovani universitari che per andare incontro alle esigenze monetarie legate alle tasse universitarie "arrotondano" con questi lavori cercando di proseguire al meglio gli studi. Nonostante la presenza degli studenti nel settore il settore della ristorazione e dei bar manca nella misura del 14%. 

Altri posti vacanti si possono trovare nel campo della pasticceria (orari pesanti con sveglia circa alle quattro o alle cinque del mattino), nel campo della macelleria in cui manca circa il 10% dei posti disponibili nelle aziende e, infine, anche nel campo della sartoria dove sarebbero disponibili circa duemila posti di lavoro, previo corso di specializzazione in questo tipo di lavoro. Per concludere l'analisi occorre dire che sono molto richiesti anche gelatai (lavoro stagionale) e macellai. Confartigianato, dopo la sua disanima, ha constatato che in Italia ci sono 150.000 posti disponibili in questi lavori che nessuno cerca e che nessuno vuole.